Continental TKC80 (anteriore) aggiornamento dopo 5.300 km

Articolo redatto in data 03/09/2019 e aggiornato in seguito.

E’ prematuro parlarne già da ora perché la recensione completa arriverà a fine anno (forse) ma poiché ho montato oggi l’anteriore ho deciso di iniziare a scrivere due righe su questa gomma.

Non era previsto che la montassi adesso ma a causa di un problema con la ANLAS Capra X anteriore (difetto che mi causava perdita di pressione) ho dovuto sostituirla. Come sempre non sono stato molto fortunato perché un mesetto fa ho montato una nuova Capra X dietro e ad averlo saputo avrei messo tutto il treno nuovo di TKC80 …

Parlando di Continental TKC80 ci sono diversi modelli a disposizione ossia TT o TL (camera d’aria o tubeless) e con diversi indici di velocità.
Questi i modelli a disposizione dal sito Continental:

la tabella 2018 della TKC80 (dal sito Continental)

Io ho ordinato per l’anteriore la 0247144 quindi la 90/90 21 M/C 54T TL M+S che in soldoni è la versione tubeless perché giustamente fanno anche la versione per camera d’aria.

Pagata sui 90 € montata dal mio gommista di fiducia (un pò cara, diciamocelo) una volta montata nella moto si presenta cosi:

panoramica con la TKC80 davanti

Mentre vista da vicino si presenta cosi, un vero carroarmato in miniatura !

vista di profilo dei tasselli della TKC80
vista per intero da vicino della TKC80

Per i masochisti amanti dei numeri (come me) la gomma anteriore da nuova vanta un battistrada utile di 8.80 mm che è in assoluto il valore più elevato che abbia trovato in una gomma anteriore poiché Anlas Capra X, Mitas E10 Dakar e Pirelli MT90 avevano 8.00 mm di battistrada da nuove.
In sostanza le TKC80 offrono 1 mm quasi extra.

Sempre i più curiosi dalla tabella sopra riportata avranno notato che al posteriore non c’è una gomma con indice di velocità T ma c’è solamente in Q: questo perché, immagino, avrà una mescola più dura e quindi, speriamo, durerà di più.

Ma potrò scoprirlo solo a settembre quando monterò anche dietro una TKC80 nuova di pacca.

Infatti come già scritto verso metà giugno rimonterò le mie TKC70 per affrontare i mesi caldi e il tanto asfalto che farò e quindi da ora a metà giugno mi impegnerò a consumare la “nuova” Capra X che ho montato qualche settimana fa dietro e a prendere confidenza con la nuova arrivata.

L’articolo quindi verrà aggiornato con le primissime impressioni della gomma anteriore, al più presto.

Aggiornamento del 04/09/2019

Diversamente da come avevo scritto al momento della redazione del presente articolo è andata a finire che ho poi montato al posteriore una Mitas E07+, di cui vi parlo in questo articolo, anziché una TKC80 e quindi questo articolo, prime impressioni e futura recensione saranno tutte rivolte unicamente allo pneumatico anteriore.

Al momento ho percorso circa 3.300 km in due sessioni distinte con questa gomma e sebbene inizi già a mostrare i classici segni dello spiattellamento è ancora ad almeno il 70% di battistrada per cui ragionevolmente la cambierò quando anche la Mitas E07+ al posteriore sarà finita.

Come va su asfalto ?

E’ una gomma che si fa sentire in modo abbastanza evidente dai 60 orari in sù e ben più rumorosa rispetto alla Capra X forse perché il disegno dei tasselli è perpendicolare rispetto al senso di marcia anziché a freccia.
La tenuta nell’asciutto è discreta, niente di esagerato e anche in questo caso niente a che vedere con la Capra X che, lo ripeto col rischio di venire a noia, sembra quasi una stradale per quello che permette di fare.
Nel bagnato è un buon compromesso di “feeling” tra Anlas Capra X e Mitas E10.
Quello che non è piaciuto, nel complesso, è che per farla scendere in piega bisogna letteralmente stuprare la moto e comunque si avverte sempre una certa sensazione della moto a voler allargare la traiettoria ma è corretto ribadire che al posteriore non ho la sua compagna TKC80 ma ho una Mitas E07+ e questo potrebbe “giustificare” questo comportamento.
In ogni caso una volta messa giù e presa la giusta confidenza la gomma non tradisce e non scivola.
Pressione di utilizzo: 2.0 bar.

Come va in offroad ?

In offroad le cose sono andate molto bene, rispetto all’asfalto e in questo caso rispetto alla Capra X c’è un sostanziale pareggio.
Grande gomma, trasmette un buon feeling e al momento non mi ha mai tradito.
L’unico difetto riscontrato in maniera marcata è il fatto che tende a lanciare i sassi addosso al paracoppia: intendiamoci tutti gli pneumatici anteriori passandoci tendono ad alzare i sassi ma queste TKC80 sembra quasi che si impegnino in tal senso e vi posso assicurare, avendole messe subito dopo le Capra X, che c’è una bella differenza in tal senso.
Possiamo considerare questo aspetto come un difetto ? Valutate voi.
Come pressione di utilizzo mi sono sempre tenuto nei dintorni dei 1.8 bar e mi sono trovato molto bene.

Quanto durerà ?

Come ho già scritto dopo oltre 3.000 km è al 70% circa e quindi sulla carta i 6-7000 km totali (con ancora un pò di tassello utile) dovrebbe farli per cui potrebbe essere un buon risultato.

la TKC80 (in questo caso aveva circa 2.600 km percorsi)

Ci aggiorniamo più avanti con la recensione vera e propria.

Aggiornamento del 23/12/2019

Ho percorso al momento 5.300 km con questa gomma e non è ancora il momento di recensirla perché ci farò almeno altri 2-3.000 km e a questo punto la cambierò quando sarà da sostituire anche la Mitas E07+ al posteriore.

La gomma con il passare dei chilometri è diventata ancora più rumorosa a velocità costante dai 60/70 km/h in sù e questo presumo perché si è scalettata ulteriormente.

Ecco com’è messa ora:

la TKC80 dopo 5.300 km percorsi
vista di profilo

Dalle due immagini sopra si percepisce bene il fenomeno dello spiattellamento: ogni tassello ha preso “quasi” la forma di un trapezio irregolare una parte alto 6.50 mm (la parte che per prima incontra l’asfalto) e dall’altra 5.00 mm e questo fenomeno è tipico delle tassellate nell’anteriore e più strada si fa peggio è.

In realtà per quanto riguarda il consumo rispetto al rilevamento dopo 3.000 km percorsi si sono consumate veramente molto poco (nel punto più alto del tassello) mentre è aumentata la differenza col punto meno alto.

Per quanto riguarda il comportamento confermo quanto ho scritto sopra e rumorosità a parte questa gomma si è confermata una grande gomma che permette un bel chilometraggio e che non tradisce neanche nell’asfalto bagnato.

In offroad ho imparato ad apprezzarla in tutte le circostanze, anche quelle più umide e l’unico difetto che ho riscontrato come scritto in precedenza è che a questa gomma “piace” alzare i sassi e lanciarli contro il paracoppa e alla lunga diventa poco simpatico specialmente quando si proviene da una gomma (come la Capra X) che mai aveva palesato questo tipo di “difetto” o almeno mai in questa misura.

Ad ogni modo considerando la resa chilometrica (la Capra X dopo questi chilometri davanti aveva molto meno battistrada) e la prestazione al netto della rumorosità mi ritengo soddisfatto ma non la consiglierei ad occhi chiusi per i due difetti sopra menzionati (rumorosità e lancio dei sassi).

Aggiornerò l’articolo con la video recensione quando verrà il momento di sostituirla.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: